APOCALYPSE NOW – FINAL CUT

/ / Senza categoria

APOCALYPSE NOW – FINAL CUT

un film di Francis Ford Coppola
con Marlon Brando, Martin Sheen, Robert Duvall, Laurence Fishburne, Harrison Ford
sceneggiatura: John Milius e Francis Ford Coppola ● fotografia: Vittorio Storaro
montaggio: Lisa Fruchtman, Gerald B. Greenberg, Walter Murch
musiche: Carmine Coppola e Francis Ford Coppola
produzione: Zoetrope
distribuzione: Cineteca di Bologna
Stati Uniti, 1979/2019 ● 183 minuti

v.o. inglese con sottotitoli in italiano

Oscar 1980: premio per la miglior fotografia e il miglior sonoro
Cannes 1979: Palma d’Oro e premio Fipresci

La rilettura di Coppola del miliare “Cuore di Tenebra” di John Conrad ritorna in sala nella sua versione definitiva e “perfetta”. Una nuova, imperdibile occasione per immergersi nelle acque della paura e dell’ignoto e lasciarsi trasportare dalla corrente di questo capolavoro.

In Vietnam, durante il terzo anno di guerra, il capitano Willard viene inviato ai confini della Cambogia per una missione segreta e delicatissima: dovrà uccidere il colonnello Kurtz che, impazzito, sta combattendo una sua guerra privata. Willard risale un fiume e si trova a percorrere tutti i gironi dell’inferno. I suoi compagni di viaggio sono degli squinternati. Quasi nulla è comprensibile: gli attacchi con gli elicotteri al ritmo di Wagner, un ufficiale che fa surf sotto i bombardamenti, battaglie all’insegna del “napalm”, che rendono la scena simile a quella di una Disneyland allucinata…

«Dato che l’originale di Apocalypse Now non era solo lungo ma anche insolito nello stile e nella sostanza per un film dell’epoca, abbiamo pensato di tagliare ove possibile non solo per questioni di tempo ma anche per tutto ciò che poteva sembrare strano. Una quindicina  di  anni dopo lo davano alla TV mentre mi trovavo in albergo, e dato che mi è sempre piaciuto l’inizio mi sono messo a guardarlo e ho finito per vedermelo tutto. Mi sono reso subito conto che il film non era strano come pensavo, ed era diventato più contemporaneo. Aggiungiamoci che molti (compreso  il distributore) pensavano che fosse stato scartato tanto ottimo materiale. Tutto questo ha condotto a quello che è stato poi chiamato Apocalypse Now Redux. In quella versione veniva ripristinato tutto ciò che era stato tagliato. In seguito, quando mi chiedevano quale versione preferissi vedere in circolazione, mi capitava spesso di pensare che l’originale del 1979 fosse stato accorciato troppo brutalmente e che Redux fosse  troppo lungo, così mi sono deciso a favore di quella che mi sembrava la versione perfetta» (Francis Ford Coppola)

«”Apocalypse Now” “è il film sulla guerra del Vietnam” come afferma Coppola, ma soprattutto è una maestosa opera cinematografica, dove arte e sforzo produttivo s’intrecciano in modo indissolubile, composta da una drammatica messa in scena. In ultima istanza, è un capolavoro di un autore nel pieno della sua folle creatività che rischia il tutto e per tutto per realizzare il proprio sogno di grandezza.» (Antonio Pettiere, Ondacinema)