FILMMAKER FESTIVAL THE SKY SOCIALIST 2

/ / Senza categoria

THE SKY SOCIALIST 2 ● ENVIRONS AND OUT-TAKES

un film di Ken Jacobs
sceneggiatura: Ken Jacobs ● fotografia: Ken Jacobs
montaggio: Ken Jacobs
produzione: Ken Jacobs
Stati Uniti 1966, modificato per il video nel 2019 ●  47 minuti

v.o. senza dialoghi

FILMMAKERS MODERNS

prima internazionale

proiezioni in pellicola, anteprime mondiali e incontri con autori. Dieci giorni di cinema documentario e di ricerca, libero e sperimentale. da sabato 16 novembre, al cinema beltrade arriva filmmaker festival 2019

La corsa al rinnovamento tipica degli Stati Uniti, l’esigenza capitalista di distruggere e ricostruire annullando la memoria – di luoghi e persone – si abbatte sul vicinato di Manhattan adiacente al ponte di Brooklyn dove è girato The Sky Socialist. A distanza di poco Jacobs torna a filmare le gru che demoliscono i palazzi e cambiano i connotati alle strade conosciute e amate. Una “furia distruttrice” che evoca quella da cui gli ebrei erano fuggiti alla volta del Nuovo mondo.

Ken Jacobs (New York, 1933) ha studiato pittura con Hans Hoffmann, uno dei pionieri dell’espressionismo astratto, negli anni Cinquanta. In quel periodo inizia anche la sua carriera come filmmaker: Jacobs gira in 8 e 16mm – e più recentemente in digitale – spesso nel corso di anni. È il caso di The Whirled (1956-1963), Star Spangled to Death (1956-60 / 2001-2004), Little Stabs at Happiness (1958-1960). Nel 1967 fonda insieme alla moglie Florence il Millennium Film Workshop, una cooperativa noprofit di filmmaker aperta a tutti, che mette a disposizione attrezzature, corsi e luoghi di proiezione. Tom, Tom, The Piper’s Son (1969), è parte del National Film Registry dal 2007. Sempre nel 1969 Jacobs inizia a insegnare cinema alla Binghamton University. I suoi lavori sono stati esposti e proiettati, fra i tanti, al MoMa di New York – che gli ha dedicato una retrospettiva nel 1996 – al Louvre, alla Berlinale, al Festival di Rotterdam, all’American Museum of the Moving Image di Astoria (New York). Fra i riconoscimenti il Maya Deren Award dell’ American Film Institute e il Guggenheim Award.