THE OTHER SIDE OF EVERYTHING ● LUX FILM DAYS II

/ / Senza categoria

● THE OTHER SIDE OF EVERYTHING ● DRUGA STRANA SVEGA

un film di Mila Turajlic
con Mila Turajlic, Srbijanka Turajlic ● sceneggiatura: Mila Turajlic
fotografia: Mila Turajlić ● montaggio: Sylvie Gadmer, Aleksandra Milovanovic
musica: Jonathan Morali
produzione: Dribbling Pictures, Survivance
distribuzione:
Serbia, Francia, Qatar, 2017 ● 104 minuti

 v.o. serbo con sottotitoli in italiano

IDFA, 2017: miglior lungometraggio documentario
RiverRun International Film Festival, 2018: premio della giuria
ZagrebDox, 2018: premio del pubblico, della stampa e FIPRESCI a Mila Turajlic

prenota il tuo posto, scrivi a prenota@cinemabeltrade.net

È il quinto anno per i LUX Film Days al Cinema Beltrade: tre serate a ingresso gratuito, dal 12 novembre al 10 dicembre, in compagnia del grande cinema europeo.

Il Premio LUX del Parlamento europeo è il più alto riconoscimento delle Istituzioni europee per il cinema, i tre film della selezione ufficiale vengono infatti distribuiti in tutti e 28 gli Stati membri, nelle 24 lingue ufficiali attraverso i LUX Film Days

Prima di ogni film, dalle 20.00, aperitivo al barBRILLO (a pagamento)

Il programma

► lunedì 12 novembre ore 21.00
STYX di Wolfgang Fischer (Germania, Austria, 2018) 94 minuti

► lunedì 26 novembre ore 21.00
THE OTHER SIDE OF EVERYTHING di Mila Turajilic (Serbia, Francia, Qatar 2017) 104 minuti

► lunedì 10 dicembre ore 21.00
LAZZARO FELICE di Alice Rohrwacher (Italia, 2018) 125 minuti

lunedì 26 novembre
21:00

Una porta chiusa dentro un appartamento di Belgrado ha tenuto una famiglia separata dal proprio passato per oltre settanta anni. Non appena la regista inizia un’intima conversazione con sua madre, emerge come la faglia della politica scorra nelle loro vite, rivelando una casa e un paese infestati dalla storia. La cronaca di una famiglia in Serbia diventa il bruciante ritratto di un’attivista in tempi di grande agitazione e l’occasione di interrogarsi sulla responsabilità di ogni generazione nella lotta per il proprio futuro.

«Sono nata nel 1979, avevo un anno quando Tito morì e undici quando Miloševic salì al potere, dodici quando iniziò la guerra nell’ex Jugoslavia, sedici quando finì, venti quando la NATO ci bombardò, ventuno quando finalmente ci liberammo di Milosevic, ventiquattro quando il nostro primo ministro fu assassinato, e oggi alla veneranda età di trentasette anni, voglio parlare del mio paese, da un punto di vista molto personale e da un posto molto preciso, il luogo in cui vivo. Perché ho avuto il privilegio di crescere e osservare la Serbia attraverso gli ideali e le azioni di una donna che pensava fosse una sua precisa responsabilità parlare di quello che stava accadendo.» (Mila Turajlic)

«The Other Side of Everything ripercorre la Storia di un Paese e la storia personale come un home-movie, nato da una casa e dalla straordinarietà di una madre, ambizioso e stratificato, ma soprattutto profondamente intimo e politico. Un lavoro ostinatamente personale e profondamente sincero e sentito, è l’occhio di una figlia che sta diventando donna, e che si dichiara apertamente pronta a ricevere un’eredità pesante come un macigno, pesante come una robusta porta, pesante come la Storia. Non è certo poco.» (Marco Romagna, Quinlan.it)