LA MIA VITA CON JOHN DONOVAN

/ / Senza categoria

LA MIA VITA CON JOHN DONOVAN
The life and death of John F. Donovan

un film di Xavier Dolan
con Kit Harington, Natalie Portman, Kathy Bates, Jacob Tremblay, Susan Sarandon
sceneggiatura: Xavier Dolan, Jacob Tierney ● fotografia: André Turpin
montaggio: Mathieu Denis, Xavier Dolan ● musiche: Gabriel Yared
produzione: Lyla Films, Sons of Manual
distribuzione: Lucky Red
Canada/Regno Unito, 2018 ● 123 minuti

v.o. inglese con sottotitoli in italiano

2018, Toronto International Film Festival: nomination a Xavier Dolan per il miglior film

Settimo prova per l’enfant prodige canadese che ha stregato i festival e i cinefili di mezzo mondo: il cast questa volta è inglese ma immutate sono la sua abilità dietro la macchina da presa e la potenza dirompente dei suoi sofferti ritratti umani.

sabato 3 agosto 21:30 ▪︎ Osnago ▪︎︎ e per tetto un cielo di stelle

domenica 4 agosto 21:30 ▪︎ Osnago ▪︎︎ e per tetto un cielo di stelle

Rupert Turner (Ben Schnetzer), giovane attore, decide di raccontare la vera storia di John F. Donovan (Kit Harington), star della televisione americana scomparsa dieci anni prima, che in una corrispondenza epistolare gli aveva aperto le porte del cuore, svelando i turbamenti di un segreto celato agli occhi di tutti. Ne ripercorre così la vita e la carriera, dall’ascesa al declino, causato da uno scandalo tutto da dimostrare.

«Questo progetto per me è personale. Avrò avuto circa sette anni quando, preso dall’entusiasmo per Titanic, ho cominciato a scrivere lettere a Leonardo DiCaprio, il mio John Donovan in questo caso. Con il film ho portato in scena quel bambino che ero e il fan che sono, ma allo stesso tempo ho voluto puntare i riflettori sul concetto d’identità e sulle conseguenze della trasparenza nello show business. Questa professione ti mette addosso delle etichette che a nessuno piace indossare… (…) Alcuni mi hanno detto che il tema de La mia vita con John F. Donovan non è più tanto attuale visto che a Hollywood ormai il coming out non è più taboo. È vero, se penso a quanti giovani artisti negli ultimi tempi hanno dichiarato il proprio orientamento sessuale sui social. Ma lo show business è davvero cambiato?» (Xavier Dolan)

«La fotografia di André Turpin regala un caldo e accogliente manto a un film deliziosamente inquadrato, mentre la sceneggiatura del regista è prodiga di discorsi acuti e grandi intuizioni, il tutto accompagnato da un cast in stato di grazia. Se è vero che John Donovan porta avanti temi familiari alla filmografia del regista canadese, ci sentiamo solo felici di vederli affrontati con una forma ed una eleganza a lui inedita.» (Allan Hunter, Screen Daily)