L’intrusa

/ / Senza categoria

L’intrusa

un film di Leonardo Di Costanzo
con  Raffaella Giordano, Valentina Vannino, Martina Abbate, Anna Patierno,
Marcello Fonte  ● fotografia: Hélène Louvart
musiche originali: Marco Cappelli, Adam Rudolph ● produzione esecutiva: Giorgia Mosca
produzione: Tempesta, Rai Cinema, Amka Films Productions, Capricci Films
distribuzione: Cinema
Italia – Svizzera – Francia, 2017, 95 minuti

Nel suo secondo lungometraggio Leonardo Di Costanzo con spiccata sensibilità ci porta a conoscere un racconto ambientato nel mondo del volontariato, tra coloro che quotidianamente si trovano a contatto diretto col disagio e con le dure realtà di una città altrettanto dura.

28 novembre-17:00 ▪︎ Rho ▪︎︎ cin&città

28 novembre-21:00 ▪︎ Rho ▪︎︎ cin&città

29 novembre-21:00 ▪︎ Rho ▪︎︎ cin&città

30 novembre-21:00 ▪︎ Rho ▪︎︎ cin&città

Un racconto ambientato nel mondo del volontariato, tra coloro che quotidianamente si trovano a contatto diretto col disagio e con quelle fasce della società troppo frettolosamente e spesso ingenerosamente etichettate come “cattive”.
La storia è ambientata nella periferia napoletana all’interno di un centro di accoglienza. Il centro è stato aperto anni prima da una donna del Nord Italia assieme al marito poi morto. La donna continua a gestirlo con passione, negli anni, ha creato intorno a sé una comunità solidale con proprie regole e una forte identità.
Un giorno, però, in quel luogo arriva l’intrusa del titolo, cioé la moglie di un camorrista, che per motivi misteriosi decide di andare a nascondersi proprio all’interno del centro, ma che, con la sua sola presenza, è destinata a scompaginare la già difficile quotidianità.

L’Intrusa non è un film sulla camorra; è un film su chi ci convive, su chi giorno per giorno cerca di rubargli terreno, persone, consenso sociale, senza essere né giudice né poliziotto. Ma è anche una storia su quel difficile equilibrio da trovare tra paura e accoglienza tra tolleranza e fermezza. L’altro, l’estraneo al gruppo, percepito come un pericolo è, mi sembra, un tema dei tempi che viviamo.( Leonardo Di Costanzo)

L’intrusa si regge sul conflitto che esplode nella testa della protagonista e che si manifesta nella stessa distribuzione dei luoghi: la casupola dove quella “bestia ferita, testarda” con dentro l’inferno ha cercato rifugio e lo spazio tutto intorno della ciclofficina, del giardino, dei disegni sui muri del casale.
Da un lato l’estraneo, il diverso e dall’altro il gruppo coeso, compatto, strenuo difensore della propria comunità; la camorra c’è ma non si vede, la raccontano le vite dei personaggi che entrano ed escono dalla masseria, il rumore degli elicotteri in lontananza, i palazzoni oltre le siepi del centro.L’intera impalcatura della storia si alimenta della lotta tra bene e male, sul dilemma tra paura e accoglienza, e si nutre degli elementi tipici della tragedia dove gli eroi sono gli uomini e le donne come Giovanna, che ogni giorno sperimentano nuovi modelli di convivenza, occupandosi dei margini, degli oppressi e dei sommersi con la testardaggine e la tenacia che manca alle istituzioni. Sono gli uomini e le donne che per le convinzioni più disparate fanno gruppo, si autofinanziano e lottano, animati spesso soltanto dal proprio profondo senso civico e umano, per sanare, bonificare e recuperare terreno su ogni tipo di stortura sociale.
L’intrusa non è un documentario, ma è racconto, finzione pura che dal terreno documentaristico mutua stile e linguaggio; la sua grandezza consiste nel saper far muovere all’interno di questo spazio quasi sacro una collettività di personaggi credibili e umani, senza piegarli a esigenze sceniche che violerebbero la loro verità. (Elisabetta Bartucca, da movieplayer)