Zootropolis

/ / Senza categoria

ZOOTROPOLIS

un film di Byron Howard, Rich Moore
soggetto e sceneggiatura: Jared Bush, Phil Johnston ● fotografia: Nathan Warner
montaggio: Jeremy Milton, Fabienne Rawley ● musiche: Michael Giacchino
produzione e distribuzione: Walt Disney Pictures
Stati Uniti, 2016 ● 108 minuti

Oscar 2017: premio per il Miglior Film d’Animazione
Golden Globes 2017: premio per il miglior Film d’Animazione

Uno dei più acclamati e amati classici Disney di recente uscita: corse mozzafiato, battute al fulmicotone e una sferzante ironia per un cocktail micidiale capace di conquistare davvero pubblici di tutte le età!

Il mondo animale è cambiato: non è più diviso in due fra docili prede e feroci predatori, ma armoniosamente coabitato da entrambi. Judy è una coniglietta dalle grandi ambizioni che sogna di diventare poliziotta, poiché le è stato insegnato che tutto è possibile in questo nuovo mondo. Nick è una volpe che vive di espedienti nella capitale, Zootropolis, dove Judy, dopo un estenuante training in accademia, approda come ausiliaria del traffico. Toccherà a loro, inaspettatamente uniti, risolvere il mistero dei 14 animali scomparsi che tutta la città sta cercando e sventare i piani di chi vuole impossessarsi del potere locale, secondo l’atavico principio divide et impera.

«È stato Byron ad avere questa idea originale di riprendere la tradizione degli animali parlanti. Volevamo fare qualcosa che fosse a passo con il nostro tempo ma anche senza tempo, come tutte le fiabe Disney, basti pensare a Il Re Leone, Robin Hood… Possiamo dire che Zootropolis prende spunto dalla classicità, rinnovandola. Io non posso che unirmi a quello che ha detto Rich. La parte divertente è proprio l’analogia con il mondo degli umani; è stato bello scoprire di come il mondo animale abbia molto a che fare col nostro. La scena più divertente è senza dubbio quella dei bradipi. Ci è venuta in mente perché in America l’ufficio della motorizzazione è molto lento e allora abbiamo scelto i bradipi. Credo che anche gli italiani con la loro burocrazia sappiano di cosa stiamo parlando.” (Byron Howard e Rich Moore)

«Zootropolis è il frutto perfetto del nuovo corso Disney, che già aveva dato risultati evidenti rivitalizzando il filone favolistico con La principessa e il ranocchio, Rapunzel e Frozen e cercando di innovare una tradizione un po’ stanca con ibridazioni spregiudicate. Miscelando una creatività più adulta e meno rassicurante, ereditata dalla fusione con Pixar, con l’adesione ai ritmi sincopati da commedia in stile Dreamworks/Madagascar, Zootropolis manifesta l’ambizione altissima di raccontare per metafore certe caratteristiche dell’America di oggi.» (Federico Pedroni, Cineforum.it)