I DANNATI

/ / Senza categoria

The Damned
I Dannati

un film di Roberto Minervini
con Jeremiah Knupp, Cuyler Ballenger, René W. Solomon, Noah Carlson
sceneggiatura: Roberto Minervini ● fotografia: Carlos Alfonso Corral
montaggio: Marie-Hélène Dozo
produzione: Okta Film, Pulpa Film con Rai Cinema
distribuzione: Lucky Red
Italia, Stati Uniti, Belgio, 2024 ● 89 minuti

v.o. inglese con sottotitoli in italiano

2024 Festival de Cannes: Un Certain Regard

sabato 18 maggio ore 21.30
proiezione speciale, in sala il regista
roberto minvervini

Dopo la trilogia texana, Roberto Minervini forza ancora una volta i confini tra realtà e finzione passando dal “documentario di creazione” a un film storico in costume senza abbandonare l’immediatezza dei suoi lavori passati: ambientato durante la Guerra di Secessione americana, I Dannati è un racconto poetico di un gruppo di uomini costretti a confrontarsi con la dimensione della guerra e un territorio a loro sconosciuto.

domenica 23 Giugno
22:00

Inverno 1862.
Nel pieno della guerra di Secessione, l’esercito degli Stati Uniti invia ad ovest una compagnia di volontari con il compito di perlustrare e presidiare le terre inesplorate. La missione travolge un pugno di uomini in armi, svelando loro il senso ultimo del proprio viaggio verso la frontiera.

«L’idea parte da lontano, da una duplice riflessione: la prima sul genere, c’era la voglia di rapportarmi sia alla finzione che al film di guerra. Ho sempre avuto un rapporto simbiotico e dissonante con i war movie, perché non ho mai capito le sovrastrutture morali, la rappresentazione così muscolare, la mascolinità tossica nei film di guerra. Ci eravamo riproposti di iniziare un percorso per provare a riscrivere questi connotati. L’altro discorso è quello di capire come reinventarsi, testare un metodo di lavoro fino ad oggi fortemente basato sull’esperienza, che prima guardava solamente al reale, traducendo i principi di questo metodo di lavoro in un ambito di finzione, ricreando un contesto che fosse intimo, dal di dentro, quindi affrontare la finzione pur mantenendo l’approccio sul reale.» (Roberto Minervini)

«I dannati omaggia i classici, per poi discostarsene, farsi moderno. La macchina da presa si incolla ai corpi dei protagonisti, martoriati dalle intemperie e dai proiettili. I dannati è un western intimista, spietato, sospeso tra le praterie e la neve. Minervini abbandona il documentario, ma non perde lo sguardo politico, sociale, che lo ha sempre caratterizzato. E ancora una volta dà voce agli ultimi, non si ferma davanti alle apparenze. Che cosa fare quando il mondo è in fiamme? Il titolo del suo film precedente risuona ancora potente. E la risposta arriva da un gruppo di coraggiosi in divisa che invocano il diritto di stare al mondo. Sorprendente, I dannati è un’epopea pacifista, un cavalcarono insieme senza ritorno, una disperata carica per difendere una nazione con uno stendardo che non sventola più.» (Gianluca Pisacane, cinematografo.it)