Il castello errante di Howl

/ / Senza categoria

IL CASTELLO ERRANTE DI HOWL
Hauru no ugoku shiro

un film di Hayao Miyazaki
sceneggiatura: Hayao Miyazaki ● fotografia: Hoe Hisaishi
montaggio: Takeshi Seyama ● musiche: Uno Helmersson
produzione: Studio Ghibli
distribuzione: Lucky Red
Giappone, 2004 ● 119 minuti

v.o. in giapponese con sottotitoli in italiano
durante il weekend, per il cinecircolino, il film è in versione doppiata in italiano

2004 Mostra del cinema di Venezia: premio Osella
2005 New York Film Critics Circle Awards: miglior film d’animazione

adattamento del romanzo di Diane Wynne Jones, Il castello errante di Howl è uno dei titoli più citati e amati del maestro giapponese: un’esperienza totalizzante di colori e musiche, una nuova variazione sull’eterno confronto tra bene e male e sui loro contorni sfumati e un inno alla gioia del racconto.

martedì 23 agosto
UN MONDO DI SOGNI ANIMATI
una maratona per salutare il maestro dell’animazione giapponese
LA CITTÀ INCANTATA ore 11.00
NAUSICAA DELLA VALLE DEL VENTO ore 13.20
PRINCIPESSA MONONOKE ore 15.30
PORCO ROSSO ore 18.00
IL CASTELLO ERRANTE DI HOWL ore 20.00
LA CITTÀ INCANTATA ore 22.00

La giovane Sophie, 18 anni, lavora senza posa nella boutique di cappelli che, prima di morire, apparteneva a suo padre. Durante una delle sue rare uscite in città, conosce Howl il Mago. Howl è molto affascinante, ma non ha molto carattere… Fraintendendo la loro relazione, una strega lancia un maleficio terribile su Sophie e la trasforma in una vecchia di 90 anni. Prostrata, Sophie fugge e vaga nelle terre desolate. Per puro caso, entra nel Castello Errante di Howl e, nascondendo la sua vera identità, si fa assumere come donna delle pulizie. Questa “vecchia signora”, tanto misteriosa quanto dinamica, riuscirà in breve tempo a dare nuova vita alla vecchia dimora abitata solo da un giovane apprendista, Markl, e da colui che manda avanti il Castello, Calcifer, il demone del fuoco. Più energica che mai, Sophie compie dei miracoli. Quale favoloso destino la attende? Cosa succederà tra lei e Howl?

«Non cerco mai di lanciare alcun tipo di messaggio o di imporre una mia precisa visione delle cose. Se sono deducibili nei miei film, si rivelano come per un processo naturale. Molti credono che stia raccontando delle verità molto profonde, in realtà ciò che più mi piace in una storia è la semplicità. Ciò che ci ha spinto a realizzare Howl è la constatazione di quanti faccende tristi ci siano nel mondo, come le guerre o le crisi economiche. Speriamo che, tramite il film, gli spettatori possano ritrovare il coraggio e anche un po’ di speranza. Il mondo futuro potrà essere ancora bello e prezioso, ci conviene resistere ed esplorarlo» (Hayao Miyazaki)

«Howl’s Moving Castle è un ulteriore tassello, nel mosaico che il regista giapponese sta componendo col passare degli anni che mescola l’attenzione alle tematiche ambientali, all’utilizzo malsano della tecnologia, che propone esseri umani calati in universi fantastici ed immaginari, dove creature soprannaturali insegnano all’uomo come vivere e quali valori seguire e difendere. Tra realtà dell’immagine e metafore, il film si dipana lentamente, offrendo la abituale ma sempre fenomenale panoramica sui paesaggi e personaggi da sogno (il film realizzato in maniera tradizionale è visivamente impressionante), nei quali la fantasia di Miyazaki e di Joe Hisashi, autore della colonna sonora, si sbizzarriscono raggiungendo vette se possibile ancora più elevate che nel premiato Spirited Away (La città incantata).» (Andrea Chirichelli, Mymovies.it)