Pachamama

/ / Senza categoria

PACHAMAMA

un film di Loris Andreozzi, Alessio Garlaschelli
con Fernando Tuirima Sanchez, Miguel Pilco, Segundo Jacinto Yahuarcani
fotografia: Loris Andreozzi, Alessio Garlaschelli
montaggio: Alessio Garlaschelli ● suono: Cavallopazzo
produzione: Malaka Studio
distribuzione: Malaka Studio
Italia, 2020 ● 51 minuti

v.o.  spagnolo con sottotitoli in italiano

Barcelona Planet Film Festival ● Roma Cinema DOC
Stockholm City Film Festival ● MADRIFF- Madrid Indie Film Festival

proiezione speciale 23 giugno ore 20.00
in sala i registi e il coprotagonista, lo sciamano Miguel Pilco

girato in Ecuador, Perù e Chile PACHAMAMA indaga il mondo delle medicine antiche ed i rituali ad esse collegati.
due sciamani, in particolare, raccontano gli aspetti sacri, spirituali e terapeutici  legati rispettivamente all’ayahuasca o “liana degli spiriti” e alla wachuma, o cactus di San Pedro.

Pachamama è una testimonianza autentica di due sciamani che eseguono il rito della Wachuma e dell’Ayahuasca, piante con proprietà allucinogene che crescono rispettivamente sulle Ande e nella foresta amazzonica.
I due sciamani raccontano il loro approccio alla “medicina”, la loro storia e il rituale che celebrano rispettando e avendo cura delle antiche tradizioni indigene.

«Il video è stato girato nel gennaio del 2019 in Perù. Il progetto è nato da un viaggio, sulla rotta della strada Panamericana che attraversa il continente sudamericano.
Leggendo le guide turistiche più conosciute, all’interno delle numerose pagine su posti da visitare solo una decina di righe spiegavano i rituali dell’ayahuasca e della wuachuma.
Abbiamo pensato che approfondire l’argomento con delle testimonianze reali potesse servire a far capire meglio la cultura e la tradizione che si nasconde dietro questi rituali. Il turismo che si è sviluppato anche grazie a questi culti, molte volte non rispetta i canoni tradizionali, che sono l’origine fondante di questi cerimonie.
Attraverso queste testimonianze speriamo di creare un interesse verso questi riti, cercando di far capire il rispetto delle tradizioni che questi popoli, culture si tramandano da secoli.
Il fine ultimo non è quello di provare una droga esotica, ma di scoprire se stessi. Scoprire la propria spiritualità.» (Alessio Garlaschelli, Loris Andreozzi)