Qualcosa di meraviglioso

/ / Senza categoria

QUALCOSA DI MERAVIGLIOSO ● FAHIM

un film di Pierre-François Martin-Laval
con Isabelle Nanty, Gérard Depardieu, Ahmed Assad
Mizanur Rahaman, Sarah Touffic Othman-Schmitt
sceneggiatura: Pierre-François Martin-Laval
fotografia: Régis Blondeau ● montaggio: Reynald Bertrand
musiche: Pascal Lengagne
produzione: Waiting For Cinema
distribuzione: BIM distribuzione
Francia, 2019 ● 107 minuti

v. doppiata in italiano

Adattamento del libro autobiografico scritto da Fahim Mohammad, la storia di uno sfavorito che in maniera inattesa si trova a lottare per la vittoria.

domenica 16 agosto 21:15 ▪︎ Rho ▪︎︎ cin&città sotto le stelle

Costretto a fuggire dal Bangladesh, dove lascia la sua famiglia, il giovane Fahim raggiunge Parigi insieme a suo padre. Fin dal loro arrivo, intraprendono un impervio percorso per riuscire a ottenere asilo politico, sotto la costante minaccia di essere espulsi dal Paese. Grazie alla sua straordinaria abilità nel giocare a scacchi, Fahim incontra Sylvain, uno dei più bravi allenatori di Francia. In un’altalena di diffidenza e attrazione, i due impareranno a conoscersi e a stringere una profonda amicizia. Ma quando inizia il Campionato Nazionale, il rischio di espulsione si fa incalzante e a Fahim resta una sola possibilità: diventare il Campione di Francia.

«» (Pierre-François Martin-Laval)

«Un canovaccio eterno, che non va mai in crisi, e testimonia l’istinto di tutti noi di parteggiare per Davide contro Golia, per l’outsider, per quello che apparentemente non dovrebbe neanche competere. (…) Una storia vera per un feel good movie da manuale, impreziosito però dall’assenza di tirate moralistiche o lezioni di qualsiasi tipo. Nonostante il titolo italiano roboante e caramelloso, la storia (…) è ben calibrata. Depardieu sembra fatto dal sarto per il ruolo del burbero insegnante segnato dall’ossessione per quello sport, ma anche dai suoi insuccessi, che nasconde un cuore grande e timido. Il piccolo Fahmi e i suoi coetanei conquistano per la simpatia e la naturalezza. Se (…) siete in cerca di una storia edificante e nel suo genere con tutto al punto giusto allora ecco il film che fa per voi.» (Mauro Donzelli, comingsoon.it)